LE PUNIZIONI

Spesso genitori mi chiedono come fare con figli che ‘non ascoltano’ e se le punizioni possono servire. La domanda mi crea sempre qualche problema. Prima di tutto, non credo nella punizione come strumento educativo, e poi dipende dall’età del bambino/a, dalla gravità del ‘crimine’, se vi sono aggravanti (inganno, ripetizione) ecc.ecc…Non mi sento neppure di dire che non si debba mai punire (anche perché i miei quattro figli troverebbero il modo di punirmi per manifesta falsità). Non è facile punire in modo convincente, non esagerato e utile. Proverò a dare qualche consiglio. E’ necessario che una precisa regola sia stata infranta, e che la punizione non compaia ‘dal blu’ per azioni fino a quel momento condonate; vi deve quindi essere la certezza che una certa azione/risposta sarà seguita da punizione. Il genitore che, solo alla decima volta che il bambino/ragazzo ‘consulta’ il telefonino durante la cena, dice: “ora basta, te lo tolgo per x tempo”, deve riconoscere che per nove volte è andata bene al bambino/ragazzo. Quindi, dopo x tempo il figlio potrebbe fare (o non fare) la scelta ponderata di ‘giocarsela’ nuovamente; la questione è ora in mano al calcolo delle probabilità. La punizione, oltre ad essere certa deve essere piccola. Se grande, che si fa qualora il ‘bimbo’ decida di ripetere l’azione? Bisognerebbe allora dare una punizione enorme, per poi passare ad una pazzesca se le cose vanno avanti, il che diventa impossibile. Faccio un esempio: supponiamo che ad un certo semaforo vi sia una sola probabilità su cento di prendere una multa da cento euro per essere passati col rosso; al semaforo successivo vi è invece la certezza di prendere una multa da un euro per la stessa infrazione. Dal punto di vista matematico le due situazioni sono identiche, ma saranno molto meno quelli che passano col rosso al secondo semaforo rispetto al primo. Se la punizione è sicura può anche essere piccolissima. Nel caso del secondo semaforo viene meno la sfida e il piacere di giocare col destino. Una probabilità su cento di prendere cento euro di multa è un giro di roulette che a molti diverte; un euro di multa senza scampo vuol dire che sei sfigato. In fine, se proprio si deve punire è meglio dare una punizione che sia costruttiva (scrivere una lettera, tradurre un brano, pulire la stanza/cucina o macchina a fondo), piuttosto che una che non produce valore (stasera non esci, ti tolgo il telefono, vai in camera al buio per x tempo).

[wpedon id=16188]

Translate »